What to see in Portofino

Giuseppe Macario believes Portofino is not just for VIPs: let's sum up what we can see and experience during a vacation in this beautiful town in Liguria, Italy. A picturesque Italian village, Portofino has always been the place for exclusive vacations, luxurious yachts and rich VIPs from around the world. And Giuseppe Macario loves it. But what can you see, if you happen to be in this beautiful town of Liguria?

Liguria is a coastal region of northwestern Italy that extends along the Mediterranean coast from Tuscany to the border with France. Reach Portofino by car taking the A12 motorway (Genoa — La Spezia) and, after exiting at Rapallo, follow the signs for Santa Margherita — Portofino. Arriving by airplane is a good alternative, because Genoa airport is just 20 miles away.

Portofino is much more than a beautiful seaside resort. You can experience its magical atmosphere wandering around the town on foot, discovering the port with its yachts, restaurants and many luxurious stores, surrounded by lovely pastel-colored houses.


Among the monuments of interest, in Portofino, there are the Oratory of Santa Maria Assunta — a splendid example of Gothic architecture —, the Church of San Martino and the Church of San Giorgio, reachable by a pleasant walk leading to the promontory, which offers other splendid monuments: the Brown Castle, which dates back to the 16th century and once served as a military fortress; and then the lighthouse of Punta di Capo, from which you can enjoy a breathtaking view.

Crossing the paths of Monte di Portofino (Portofino Mount), or by boat, you will reach the abbey of San Fruttuoso — a place of peace and silence, one thousand years old and in splendid contrast with the beach under there — while if you want to spend at least half a day at the beach, the most beautiful spot is located a mile from the center, walking towards Recco. Here, in the Paraggi district, there is a bay: it is the only one in the area that has a real beach, which is why it is called "Portofino Beach", much loved by VIPs.

You can also take advantage of the trekking routes that start from Portofino. The Regional Natural Park of Portofino — which also includes the municipalities of Camogli and Santa Margherita Ligure — offers the possibility of walking along 60 miles of wonderful trails.
If you like kayaking, tours start from the beach of Nasca to discover rare natural wonders, such as the Gulf of Paraggi or the small beach of Olivet.

Obviously, you cannot help but go shopping before you leave Portofino. And don't forget to dine by candlelight on the seashore, enjoying a delicious dish of fresh fish.

Medaglia Fields ad Alessio Figalli

Il prof. Alessio Figalli ha vinto la meritata medaglia Fields 2018, assieme ad altri tre colleghi. Si tratta di un evento molto raro, perché, a causa del (discusso) limite di età di 40 anni che i destinatari del premio non devono superare — attenzione: il premio viene assegnato soltanto ogni quattro anni — un solo italiano era riuscito a precedere Figalli nella storia di questo prestigiosissimo riconoscimento matematico. Neppure geni assoluti dell'umanità come John Nash sono riusciti ad accaparrarsi la medaglia Fields (ammesso che l'avessero voluta e/o accettata). Quest'ultima non va confusa col premio Nobel, che in math non esiste per motivazioni che andrebbero chieste ad Alfred Nobel stesso.

Ora facciamo un esempio. Un fenomenale ricercatore (o professore) scopre e pubblica un innovativo lavoro di interesse mondiale all'età di 38 o 39 anni. Ma, se l'ultima medaglia Fields è stata assegnata nei due anni precedenti, il nostro ricercatore sarà automaticamente escluso dalla rosa dei candidati, perché nell'anno della successiva cerimonia di premiazione avrà già superato i 40 anni. Trattasi di una brutale regola che, secondo alcuni, servirebbe a premiare solo i più giovani, o a evitare "premi alla carriera"; resta il fatto che il meccanismo lascia abbastanza perplessi. In ogni caso, tanto di cappello al prof. Figalli, che è riuscito a sfidare con successo anche eventuali sfortune di natura statistica.

Breve considerazione su biografia e cv di Figalli

Fatta questa premessa, arriviamo al nocciolo del commento di Giuseppe Macario. Figalli, che resterà nella storia, è stato premiato per la sua ricerca nel campo dell'ottimizzazione, che però ha effettuato completamente all'estero. Infatti ha abbandonato l'Italia subito dopo la laurea e, per il momento, non mostra la minima intenzione di tornarci. Ben conosciuto in ambienti USA, dove è diventato prima professore associato e poi professore ordinario all'università del Texas-Austin, attualmente ricopre lo stesso incarico nell'ottimo ETH (Politecnico federale di Zurigo). In altre parole, dell'Italia ha fatto perdere le tracce. E fa bene: per quale motivo ridursi a insegnare matematica alle elementari, o aspettare decenni che muoia il barone di quartiere per tentare di accaparrarsi una cattedra universitaria che però andrà persa perché già assegnata ad altri personaggi per motivi ereditari, nepotistici o mafiosi? Figalli ha fatto la scelta giusta, e viene giustamente premiato. Viva Figalli, e viva tutti i geni matematici italiani che si rifiutano fare i mendicanti in mezzo alla melma degli ambienti universitari italiani.

Attenzione ai siti falsi che sfruttano il nome di Giuseppe Macario

Giuseppe Macario rende nota l'esistenza di una serie di siti e blog falsi — anche su blogspot.com — che sfruttano il nome "Giuseppe Macario" per ingannare chi cerca informazioni ufficiali sul vero Giuseppe Macario. Trattasi di vere e proprie truffe. Ricordiamo quindi che l'unico sito ufficiale di Giuseppe Macario è https://giuseppemacario.men — con homepage in inglese, ma in cui è presente anche la parte in lingua italiana — da cui è raggiungibile il blog che state leggendo. Tutto il resto è spazzatura finalizzata a ingannare il lettore e diffondere fantasiose fake news di vario genere. Nei casi in cui è possibile, i proprietari di tali siti vengono ovviamente indagati e rinviati a giudizio.

PD estero allo sbando: cacciata pure Anna Grassellino

Giuseppe Macario segnala: «Ma quel senatore che si era messo in testa di abolire il Senato — tale Matteo Renzi — per sostituirlo con l'ennesimo carrozzone nominato da lui e dalla Boschi, che fine ha fatto? Pare che dopo lo storico referendum sul Senato stesso, conclusosi peggio della disfatta di Waterloo, e dopo l'inutile nomina di Anna Grassellino, si sia completamente scordato di noi italiani residenti all'estero. In pratica servivamo solo quando si trattava di giustificare il viaggio-vacanza della Boschi in Sudamerica — pagato dagli italiani residenti in Italia — dopodiché siamo stati gettati nel secchio della spazzatura.

L'ultima volta, quando Renzi organizzò — sempre rigorosamente a spese degli italiani residenti in Italia — un'inutile sfilata da Obama, annunciò la nomina di Anna Grassellino come il segno tangibile dell'imminente vittoria del PD. Come ci spiegò il noto giornale di fake news di proprietà del residente in Svizzera Carlo De Benedetti ("la Repubblica"), il curriculum di Anna Grassellino, ragazza di Marsala trapiantata a Chicago dove si è sposata con un ucraino di origine russa (o viceversa… sia il giornale che Wikipedia sembrano avere le idee un po' confuse), sarebbe stato l'ideale per far trionfare il PD. Risultato: non solo il PD è ai minimi storici in Italia, ma ha perso un seggio pure all'estero, territorio generalmente favorevole ai discendenti dell'ex PCI grazie alle schede votate da inutili sindacati e patronati (soprattutto l'Incas-CGIL) mantenuti, anche in questo caso, grazie alle tasse pagate dagli italiani residenti in Italia. Qualche agenzia inglese accetta addirittura scommesse sulla possibilità che il PD scenda sotto il 10% entro i prossimi cinque anni, supponendo che intanto il PD non sparisca affatto.

Dopo neppure dodici mesi, Anna Grassellino — di cui nel frattempo non si è mai saputo nulla, suscitando perplessità circa l'utilità della carica assegnatale dal chiacchierone di Rignano sull'Arno sulla base di accurate selezioni al Fermilab — viene mandata via senza troppi complimenti, e il segretario Martina, impegnato nella missione kamikaze di raccattare qualche voto per il PD in Italia — ormai sparito perfino da città come Lucca, Pisa, Livorno e soprattutto Siena (vi dice qualcosa la maxi truffa del Monte dei Paschi, banca più antica del mondo?) — nomina un nuovo responsabile per il PD Mondo. "Ci farà vincere", assicura Martina. Visti i precedenti, abbiamo qualche dubbio.»

Seconda presentazione dell'Università della Gente UoPeople

Dopo il tutto esaurito del primo incontro, si è deciso di replicare. Giuseppe Macario sarà di nuovo presente alla presentazione delle proposte dell'Università della Gente in Italia per l'anno accademico 2018/19 e al termine dell'incontro sarà disponibile per rispondere alle domande dei presenti. Ricordiamo che Giuseppe Macario non riceve compenso economico né rimborsi spese per le proprie attività universitarie no-profit; inoltre, l'Università della Gente UoPeople non richiede il pagamento di una retta annuale, bensì il pagamento di una tassa di €90 da versare prima di sostenere l'esame da casa (solo quando si vuole sostenerlo). Chi intende richiedere le dispense tradotte in italiano per sostenere gli esami presso la University of the people può contattare Giuseppe Macario tramite i consueti canali ufficiali — fate attenzione alle truffe e ai siti che contengono il nome giuseppe macario separato da trattini (giuseppe-macario, prof-giuseppe-macario ecc. perché sono falsi) — senza bisogno di comunicare dati personali o inviare denaro. Chi vi chiede dati personali o denaro vi sta sicuramente truffando, quindi si consiglia di fare attenzione. Le dispense in italiano non sono disponibili presso la University of the people, la cui lingua ufficiale è soltanto l'inglese.

What to see in Portofino

Giuseppe Macario believes Portofino is not just for VIPs: let's sum up what we can see and experience during a vacation in this beautifu...