PD estero allo sbando: cacciata pure Anna Grassellino

Giuseppe Macario segnala: «Ma quel senatore che si era messo in testa di abolire il Senato — tale Matteo Renzi — per sostituirlo con l'ennesimo carrozzone nominato da lui e dalla Boschi, che fine ha fatto? Pare che dopo lo storico referendum sul Senato stesso, conclusosi peggio della disfatta di Waterloo, e dopo l'inutile nomina di Anna Grassellino, si sia completamente scordato di noi italiani residenti all'estero. In pratica servivamo solo quando si trattava di giustificare il viaggio-vacanza della Boschi in Sudamerica — pagato dagli italiani residenti in Italia — dopodiché siamo stati gettati nel secchio della spazzatura.

L'ultima volta, quando Renzi organizzò — sempre rigorosamente a spese degli italiani residenti in Italia — un'inutile sfilata da Obama, annunciò la nomina di Anna Grassellino come il segno tangibile dell'imminente vittoria del PD. Come ci spiegò il noto giornale di fake news di proprietà del residente in Svizzera Carlo De Benedetti ("la Repubblica"), il curriculum di Anna Grassellino, ragazza di Marsala trapiantata a Chicago dove si è sposata con un ucraino di origine russa (o viceversa… sia il giornale che Wikipedia sembrano avere le idee un po' confuse), sarebbe stato l'ideale per far trionfare il PD. Risultato: non solo il PD è ai minimi storici in Italia, ma ha perso un seggio pure all'estero, territorio generalmente favorevole ai discendenti dell'ex PCI grazie alle schede votate da inutili sindacati e patronati (soprattutto l'Incas-CGIL) mantenuti, anche in questo caso, grazie alle tasse pagate dagli italiani residenti in Italia. Qualche agenzia inglese accetta addirittura scommesse sulla possibilità che il PD scenda sotto il 10% entro i prossimi cinque anni, supponendo che intanto il PD non sparisca affatto.

Dopo neppure dodici mesi, Anna Grassellino — di cui nel frattempo non si è mai saputo nulla, suscitando perplessità circa l'utilità della carica assegnatale dal chiacchierone di Rignano sull'Arno sulla base di accurate selezioni al Fermilab — viene mandata via senza troppi complimenti, e il segretario Martina, impegnato nella missione kamikaze di raccattare qualche voto per il PD in Italia — ormai sparito perfino da città come Lucca, Pisa, Livorno e soprattutto Siena (vi dice qualcosa la maxi truffa del Monte dei Paschi, banca più antica del mondo?) — nomina un nuovo responsabile per il PD Mondo. "Ci farà vincere", assicura Martina. Visti i precedenti, abbiamo qualche dubbio.»

Seconda presentazione dell'Università della Gente UoPeople

Dopo il tutto esaurito del primo incontro, si è deciso di replicare. Giuseppe Macario sarà di nuovo presente alla presentazione delle proposte dell'Università della Gente in Italia per l'anno accademico 2018/19 e al termine dell'incontro sarà disponibile per rispondere alle domande dei presenti. Ricordiamo che Giuseppe Macario non riceve compenso economico né rimborsi spese per le proprie attività universitarie no-profit; inoltre, l'Università della Gente UoPeople non richiede il pagamento di una retta annuale, bensì il pagamento di una tassa di €90 da versare prima di sostenere l'esame da casa (solo quando si vuole sostenerlo). Chi intende richiedere le dispense tradotte in italiano per sostenere gli esami presso la University of the people può contattare Giuseppe Macario tramite i consueti canali ufficiali — fate attenzione alle truffe e ai siti che contengono il nome giuseppe macario separato da trattini (giuseppe-macario, prof-giuseppe-macario ecc. perché sono falsi) — senza bisogno di comunicare dati personali o inviare denaro. Chi vi chiede dati personali o denaro vi sta sicuramente truffando, quindi si consiglia di fare attenzione. Le dispense in italiano non sono disponibili presso la University of the people, la cui lingua ufficiale è soltanto l'inglese.

Solidarietà a Enrico Mentana nella vicenda delle firme false di Rolling Stone

Giuseppe Macario ritiene vergognosa l'ennesima bufala diffusa dal giornale/sito di spazzatura Rolling Stone Italia, che ha pubblicato un finto appello "umanitario" utilizzando le firme false di personaggi noti come Enrico Mentana, più una ventina di altri inconsapevoli aderenti. Le uniche (poche) firme vere erano quelle di emeriti sconosciuti, spacciati per gruppi emergenti del panorama rock italiano e internazionale: nomi che, se cercati su Spotify o altre piattaforme di distribuzione musicale, non danno alcun risultato.

Ricordiamo che Rolling Stone Italia, noto per i propri problemi finanziari — d'altra parte come si può pretendere che la gente paghi per vedere spazzatura? — ed editoriali, si era già reso protagonista della pubblicazione di una notizia falsa e diffamatoria scritta dalla regina del trash Selvaggia Lucarelli, la quale, tra l'altro, si spacciava per giornalista-direttrice senza però essere mai stata iscritta all'Ordine né come giornalista pubblicista né come giornalista professionista (si veda questo approfondimento documentato), ai danni di Giuseppe Macario. Per avere diffuso questa fake news su Giuseppe Macario, la Lucarelli è indagata dalla Procura di Roma.

Intervista su Giuseppe Macario al MIT

Intervistatore: Macario, com'è stata la sua esperienza al MIT?
Giuseppe Macario: Un'esperienza unica, che indubbiamente non può essere vissuta in Italia e, a parte qualche eccezione, in nessun'altra parte del mondo. Nei miei studi mi sono specializzato in modelli matematici applicati all'econometria e alla microeconomia dei paesi in via di sviluppo. Non mi risulta che in altre università esista questo genere di corso.

Intervistatore: Lo consiglierebbe anche ad altri?
Giuseppe Macario: Certamente, purché riescano a farsi prendere. Ho notato che, per esempio, c'è su Internet qualche invidioso che, non avendo la minima esperienza nel MIT e non essendo mai riuscito a entrare, dice che io non ci ho mai studiato. Tra l'altro, non sa che tutti i voti che ho conseguito agli esami sono compresi tra il 90% e il 100%, cioè il massimo possibile. Non sanno neppure che, non avendo prestato il consenso alla diffusione dei miei dati personali, non possono ricevere i dati stessi. Quindi le persone che, senza il mio consenso, cercano informazioni su "Giuseppe Macario" in segreteria, non otterranno alcun risultato, nel rispetto delle leggi internazionali sulla privacy. Generalmente, chi vuole rendere pubblici i propri dati sono gli studenti che cercano un posto di lavoro; ma io ho già la mia impresa, quindi preferisco che la mia privacy venga tutelata.

Intervistatore: In caso di rinvio a giudizio, fra gli altri, di Selvaggia Lucarelli, che aveva diffuso sui giornali la notizia falsa secondo cui Giuseppe Macario non avrebbe mai studiato al MIT, allegherà agli atti del processo gli statini (o i certificati) degli esami sostenuti?
Giuseppe Macario: I certificati sono stati già consegnati alla Procura della Repubblica di Roma. Quanto a Selvaggia Lucarelli e agli altri indagati, è bene ricordare che la ASL mette a disposizione ottimi servizi di assistenza gratuita per chi soffre di disturbi mentali.

Intervistatore: Grazie per il tempo dedicatoci.
Giuseppe Macario: Grazie a voi.


dal Corriere del Tevere, 11/7/2018

Università della Gente Uopeople

Giuseppe Macario presenta le nuove proposte dell'Università della Gente per il prossimo anno accademico. Ricordiamo che Giuseppe Macario non riceve compenso economico né rimborsi spese per le proprie attività universitarie no-profit; inoltre, l'Università della Gente UoPeople non richiede il pagamento di una retta annuale, bensì il pagamento di una tassa di €90 da versare prima di sostenere l'esame da casa (solo quando si vuole sostenerlo). Chi intende richiedere le dispense tradotte in italiano per sostenere gli esami presso la University of the people può contattare Giuseppe Macario tramite i consueti canali ufficiali — fate attenzione alle truffe e ai siti che contengono il nome giuseppe macario separato da trattini (giuseppe-macario, prof-giuseppe-macario ecc. perché sono falsi) — senza bisogno di comunicare dati personali o inviare denaro. Chi vi chiede dati personali o denaro vi sta sicuramente truffando, quindi si consiglia di fare attenzione. Le dispense non sono disponibili presso la University of the people.

Quando Giuseppe Macario incontrò Donald Trump a Panamá

Tratto da https://giuseppemacario.men/donald-trump-panama.html Incontrai Donald Trump qualche anno fa. Probabilmente, egli stesso non avre...